REDAZIONE DI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO - AR.CA

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:




REDAZIONE DI PIANI DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (PSC)

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) è un documento “costituito da una relazione tecnica e prescrizioni correlate alla complessità dell’opera da realizzare ed alle eventuali fasi critiche del processo di costruzione, atte a prevenire o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi i rischi particolari di cui all'Allegato XI con specifico riferimento ai rischi derivanti dal possibile rinvenimento di ordigni bellici inesplosi nei cantieri interessati da attività di scavo,nonché la stima dei costi di cui al punto 4 dell'Allegato XV. Il piano di sicurezza e coordinamento (PSC) è corredato da tavole esplicative di progetto, relative agli aspetti della sicurezza, comprendenti almeno una planimetria sull’organizzazione del cantiere e, ove la particolarità dell’opera lo richieda, una tavola tecnica sugli scavi. I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento e l’indicazione della stima dei costi della sicurezza sono definiti all'Allegato XV.”
Ar.Ca Consulting srl offre la possibilità di farsi carico della realizzazione di Piani di Sicurezza e Coordinamento rispondenti ai requisiti richiesti dalla normativa vigente, contenenti i seguenti elementi:

L’identificazione e la descrizione dell’opera;
L’individuazione dei soggetti con compiti di sicurezza, esplicitata con l’indicazione dei nominativi del responsabile dei lavori, del coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione e, qualora già nominato, del coordinatore per la sicurezza in fase di esecuzione ed a cura dello stesso coordinatore per l’esecuzione con l’indicazione, prima dell’inizio dei singoli lavori, dei nominativi dei datori di lavoro delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi;
Una relazione concernente l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi concreti, con riferimento all’area ed alla organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze;
Le scelte progettuali ed organizzative, le procedure, le misure preventive e protettive,le prescrizioni operative, le misure preventive e protettive ed i dispositivi di protezione individuale,
Le misure di coordinamento relative all’uso comune da parte di più imprese e lavoratori autonomi,
Le modalità organizzative della cooperazione e del coordinamento, nonché della reciproca informazione, fra i datori di lavoro e tra questi ed i lavoratori autonomi;
L’organizzazione prevista per il servizio di pronto soccorso, antincendio ed evacuazione dei lavoratori, e i numeri di emergenza;
La durata prevista di tutte lavorazioni;
La stima dei costi della sicurezza.
In riferimento all’area di cantiere:  caratteristiche dell’area di cantiere ,fattori esterni che comportano rischi per il cantiere.
In riferimento all’organizzazione:
Le modalità da seguire per la recinzione del cantiere, gli accessi e le segnalazioni;
I servizi igienico-assistenziali;
La viabilità principale di cantiere;
Gli impianti di alimentazione e reti principali di elettricità, acqua, gas ed energia di qualsiasi tipo;
Gli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche;
Le disposizioni per dare attuazione a quanto previsto dall’articolo 102;
Le disposizioni per dare attuazione a quanto previsto dall’articolo 92, comma 1, lettera c);
Le eventuali modalità di accesso dei mezzi di fornitura dei materiali;
La dislocazione degli impianti di cantiere;
La dislocazione delle zone di carico e scarico;
Le zone di deposito attrezzature e di stoccaggio materiali e dei rifiuti;
Le eventuali zone di deposito dei materiali con pericolo d’incendio o di esplosione.




 
Torna ai contenuti | Torna al menu